perché

Questo spazio è dedicato a varie arti. Si chiama “Soggetti impermanenti”: soggetti perché spera di trarre profitto dalla brevità di un soggetto cinematografico e impermanenti perché prima o poi -senza preavviso- è probabile che cessi di esistere. Tutto è effimero, l’arte lo è in particolare. A mani vuote si entra e si esce.

Per quanto riguarda le brevi storie che verranno eventualmente pubblicate, esse si rifanno a esercizi di stile in base a uno schema definito. Partendo da un soggetto, la storia contiene:

  • almeno una sequenza narrativa
  • almeno una sequenza descrittiva
  • almeno una sequenza riflessiva
  • almeno una sequenza dialogica
  • la citazione da una canzone
  • una foto come “copertina”

Quanto al senso, non ve n’è uno. Simply enjoy.

Leave a Reply